Gli immigrati pagano le pensioni dei nonni italiani…


2.554 visite 9 Commenti

Tito Boeri (economista italiano e professore all’università Bocconi di Milano) pone in evidenza  sulla sua rubrica  settimanale per Internazionale questa percentuale: “4,2 per cento” .

E’ la percentuale dei lavoratori extracomunitari che hanno versato  i contributi all’INPS nel 2009. Tradotto in cifre reali sono circa sei miliardi di euro, una parte consistente della previdenza nazionale.

Boeri osserva inoltre che:

“A differenza dei contributi degli italiani, inoltre, molti di questi versamenti non sono destinati a generare spese future, cioè prestazioni a fronte dei soldi versati. Infatti i pagamenti erogati dallo stato per i lavoratori extracomunitari sono nettamente inferiori rispetto ai contributi versati. Questo succede perché in molti casi i lavoratori extracomunitari arrivano nel nostro paese, lavorano e versano i contributi per poi tornare al loro paese d’origine senza aver maturato la condizione necessaria (il periodo contributivo minimo) per richiedere l’assistenza previdenziale.” (continua a leggere su internazionale.it…)

In poche parole, quindi,  spesso i contributi versati dai lavoratori extracomunitari servono solamente a pagare le pensioni degli italiani.

Secondo le previsioni Istat, l’Italia continuerà nei prossimi decenni ad essere un paese di forte immigrazione per la combinazione, che continuerà a sussistere, tra fattori di spinta presenti nei paesi di provenienza (in particolare il basso reddito, le sfavorevoli condizioni di vita e le basse opportunità di occupazione) e fattori di attrazione presenti nel paese di destinazione (contrazione della popolazione attiva, migliori livelli di benessere, domanda per alcuni tipi di lavoro).

La percentuale di cui sopra, quindi, è destinata ad aumentare rendendo di primario interesse la questione dei immigrazione/">flussi migratori in Italia, paese che deve fare in conti con una popolazione sempre più vecchia  e con una spesa previdenziale sempre più considerevole.

2.554 visite 9 Commenti
  • federico

    Ma con il nuovo sistema contributivo per tutti, non maturo comunque una pensione seppur minima correlazionata ai contributi versati indifferentemente al periodo minimo di contribuzione?
    Grazie.

  • Maurizio

    Credevo bastasse un monti qualsiasi a dimostrare che la bocconi altro non e’ che una stamperia di qualifiche.
    Sig tito boeri…gli italiani la pensione se la sono pagata da soli!!!
    una massaia qualsiasi sa che i fondi versati dagli immigrati, se e’ vero che sono oltre il loro costo, servono solo ed unicamente a riempire le tasche dei 900 e passa parassiti che ci governqano.

    • Maurizio

      chiedo venia, intendevasi “un monti qualsiasi”.
      le minuscole dei nomi son volute.

    • Giovanni Valli

      Ciao Maurizio,
      attraverso questo blog stiamo cercando di alimentare un dibattito intorno al tema della previdenza. Per fare ciò utilizziamo varie fonti (articoli di giornali, ricerche, interviste etc…). In questo caso i dati citati da Boeri puoi trovarli tu stesso (aggiornati al 2011) nel “Rapporto immigrati e previdenza” pubblicato on-line qui.
      Sono dati ufficiali dell’Inps.

  • Aldo

    Grazie per queste informazioni, che fanno piazza pulita di tanti pregiudizi. Bisognerebbe finalmente incominciare a ragionare non più in termini italiani /stranieri, ma onesti/disonesti. Questa è la vera contrapposizione.

    • Giovanni Valli

      Grazie a te Aldo per le tue riflessioni.

  • paolo

    quanto tempo di contributi servono per un straniero per avere la pensione minimale?

    • Giovanni Valli

      Ciao Paolo,
      I lavoratori stranieri che lavorano e pagano le tasse in Italia possono andare in pensione (solo se rimangono in Italia) con le stesse regole dei lavoratori italiani, clicca qui per vedere quali sono.
      Se invece ti riferivi all’assegno sociale, viene corrisposto ai cittadini stranieri a condizione che abbiano soggiornato legalmente e in via continuativa per almeno dieci anni nel territorio nazionale, ma ci aono altri requisiti richiesti che che puoi leggere cliccando qui.

  • Pingback: Fisco, commerciante dichiara 900 euro al mese ma in garage ha una Ferrari - Pagina 53()