Come sarà la tua pensione? Entro Natale l’Inps te lo dice online


2.603 visite 15 Commenti

Sarà un Natale diverso per i lavoratori italiani. Per alcuni si tratterà di una sorpresa positiva, per altri uno choc negativo, di certo sarà un momento di generale presa di coscienza sul tema previdenziale.

Per la prima volta, infatti, gli italiani potranno vedere on-line una proiezione della propria pensione. La novità, annunciata da Antonio Mastrapasqua ( Presidente dell’Inps) sulle pagine del Corriere Economia,  era attesa ormai da tempo tra gli esperti del settore ed è considerata un importante passo in avanti verso la creazione di un’educazione previdenziale diffusa.

Ma come funzionerà in pratica? Risponde Mastrapasqua:

«Sarà possibile ottenere una simulazione della futura pensione, entro una determinata forchetta previsionale: l’importo esatto dipenderà infatti dall’età di pensionamento, che non è più stabilita in modo rigido. Man mano che gli archivi saranno completati, questa possibilità sarà allargata anche ai lavoratori che in precedenza erano iscritti all’Inpdap e all’Enpals, che l’Inps ha incorporato dal primo gennaio scorso».

E’ la concretizzazione della famosa “busta arancione”: comunicazione annuale da parte dell‘Inps a tutti gli iscritti, con le stime della loro posizione individuale, prevista dal legislatore in molteplici norme (in ultimo luogo nel decreto Salva Italia), ma fino ad oggi mai inviata.
Più volte dalle pagine di questo blog ho denunciato una generale carenza di educazione previdenziale nel nostro Paese.
Sono convinto che lo strumento di calcolo predisposto dall’Inps potrà essere un punto di svolta importante verso  una maggiore attenzione e consapevolezza.

Continuerò a tenervi aggiornati sugli ulteriori sviluppi, stay tuned!

 

2.603 visite 15 Commenti
  • Giulia

    Che bella notizia! Grazie per l’aggiornamento!
    Speriamo solo che la scadenza venga rispettata e che il sistema di accesso venga reso davvero davvero “accessibile”.
    Ora come ora per riuscire a godere dei servizi online sul sito INPS bisogna districarsi tra inserimento codice fiscale, pin vecchio, pin nuovo, ecc.: altro che “INPS facile”, come si trova scritto!

    • Giovanni Valli

      Anche io spero che lo strumento messo a disposizione sia di facile utilizzo, in modo da esser fruibile dal maggior numero di persone, anche da chi ha meno confidenza con la tecnologia.

  • ELISABETTA

    speriamo sia vero!!!!!!!!!!!

  • giulia

    Mastrapasqua è consapevole che ci sarà una rivolta?

    • Giovanni Valli

      Non so se il presidente dell’Inps si è posto la questione. Credo però che non ci sarà nessuna rivolta perché ogni sforzo fatto dalla pubblica amministrazione verso una maggiore trasparenza viene in realtà apprezzato dall’opinione pubblica. Cito Mastrapasqua: “I cittadini hanno il diritto di sapere quello che lo Stato non ha detto per anni”. Sicuramente ci saranno degli scontenti ma è giusto che gli italiani possano finalmente confrontarsi con la realtà, affrontandola con consapevolezza.

  • Valerio

    Come sarà possibile supportare la stragrande maggioranza di coloro che avranno la sorpresa di vedere una futura pensione molto inferiore rispetto a quella che immaginavano di poter ottenere????

    • Gabriele

      Vedere per credere, probabilmente. Da anni se ne parla e ora si scopre il coperchio… Qualcuno dirà “Ma allora era vero!”
      Se solo fosse possibile, verserei nel “mio” fondo pensione anche i contributi obbligatori…

      • Giovanni Valli

        In effetti non è facile immaginare quale potrà essere la reazione da parte dei cittadini, sicuramente è necessaria una presa di coscienza forte sul tema, probabilmente, in seguito, si creeranno nuove pressioni sul sistema pensionistico complementare e potremmo cominciare a pensare anche a scenari diversi rispetto a come è articolato oggi il sistema.

    • Giovanni Valli

      In primo luogo bisognerà offrire loro informazioni corrette su come funziona il sistema pensionistico in Italia. Previsionari nasce proprio con questo obiettivo: informare in modo chiaro e semplice.
      In secondo luogo ogni lavoratore sarà chiamato a confrontarsi con la realtà e dovrà valutare quali saranno i migliori investimenti da fare per diminuire il gap previdenziale.

  • Gabriele

    Ho ricevuto l’estratto conto per qualche tempo, dovo essermi rocambolescamente iscritto al servizio online dell’Inps: poi il nulla. Vediamo se stavolta ce la fanno. Certo, Mastropasqua a Natale può essere interessante…

  • enrico zacchè

    è un ulteriore passo avanti verso una doverosa presa di coscienza che tutti dobbiamo fare; la previdenza complementare va vista non come un superfluo ma come un sacrificio che va fatto; sacrificio che è piccolo se ho tanto tempo davanti e che cresce al diminuire del tempo a disposizione

  • aurora

    ho 52 anni – lavoro come oss in una casa di riposo -ho quasi 20 anni di lavoro -quando posso andare in pensione?

    • Giovanni Valli

      Ciao Aurora, utilizzando questo motore di calcolo risulta che potrai andare in pensione nel 2027, a 67 anni. Per avere una previsione più accurata prova tu stessa e inserisci tutti i dati!

  • LUISELLA

    in realtà ad oggi non è ancora possibile effettuare la simulazione …. speriamo lo rendano accessibile al più presto, anche perchè per avere informazioni si deve prendere appunatamento all’Inps o rivolgersi alle CAF, agli sposrtelli danno solo l’estrattro conto che è la sola cosa reperibile on-line ….

    • Team Previdenza

      Ciao Luisella,
      anche noi speriamo che al più presto venga realizzato quanto annunciato. Appena avremo qualche news ne scriveremo sul blog.