Calcolare la pensione? Inps e Ministero LPS annunciano il calcolatore e il simulatore della pensione on-line


19.017 visite 29 Commenti

/–/
Update del 24/07/2013
Leggi il post su “Come installare il software INPS che calcola la propria pensione” oppure calcola qui a quanto ammonterà la tua pensione e quando potrai riceverla.
Seguici su Twitter per sapere tutte le ultime novità!

/–/
Forse questa è la volta buona. Dopo averlo annunciato quasi 6 mesi fa,  l’INPS e il Ministero delle Politiche Sociali hanno comunicato il lancio di una serie di strumenti per calcolare la propria pensione futura.

Un mix di servizi on-line che si avvicina a  quella che passa sotto il nome di busta arancione, vale a dire un sistema informativo capillare necessario a tutti i cittadini per comprendere la propria prospettiva pensionistica.

Dalle pagine di questo blog abbiamo spesso auspicato un maggiore impegno da parte delle istituzioni pubbliche per aumentare l’informazione e la consapevolezza degli italiani sulle questioni previdenziali.
Siamo contenti di potervi dare questa notizia vi assicuriamo che ne seguiremo costantemente gli sviluppi.

Ma vediamo nel dettaglio le novità:

  1. Calcolatore della pensione:
    A partire dal prossimo mese di aprile sarà attivata sul sito dell’Inps  (tra i servizi online) una procedura denominata ‘Calcolatore della pensione’ che consentirà agli iscritti all’Inps di conoscere in via previsionale la data del proprio pensionamento e l’importo presuntivo della pensione.
    Nella prima fase (da aprile) potranno accedere al servizio solo i lavoratori iscritti all’Inps nati prima del 31 dicembre 1955, che sono in possesso di contribuzione accreditata in una sola delle seguenti gestioni:
    – Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti;
    – Gestioni Speciali dei lavoratori autonomi (artigiani, commercianti, coltivatori diretti);
    Gestione separata.
    Solo per coloro che hanno contributi accreditati sia nel Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti sia nella Gestione separata, il servizio consente anche il calcolo della pensione in regime di totalizzazione tra le due gestioni.
    Il servizio non potrà essere utilizzato da chi è già titolare di pensione. Nei prossimi mesi il servizio verrà progressivamente attivato in modo da renderlo disponibile a tutti i lavoratori in prossimità del conseguimento dei requisiti di pensione.
  2. Simulatore della pensione
    Per i lavoratori più giovani, per i quali la lontananza dal momento della pensione non consente di formulare ipotesi sufficientemente attendibili di calcolo della pensione (troppe le variabili: l’evoluzione retributiva individuale, gli anni e la continuità del lavoro, la scelta del periodo di pensionamento, etc.), è in corso di realizzazione una procedura che consentirà comunque di eseguire una simulazione del calcolo della propria pensione. Il rilascio del servizio avverrà entro la fine del corrente anno.
    Partendo dall’estratto conto dei contributi effettivamente versati all’Inps, il ‘Simulatore della pensione’ fornirà ai lavoratori più giovani uno strumento in grado di elaborare differenti scenari previdenziali (sulla base di profili codificati) proiettando ipotesi collegate all’atteso futuro lavorativo.
    I lavoratori più giovani avranno così a disposizione, entro la fine dell’anno, uno strumento fondamentale di educazione al risparmio previdenziale e di grande valore formativo, che potrà fornire indicazioni utili per compiere con maggiore consapevolezza le scelte che si troveranno a dover compiere nel loro futuro lavorativo e nell’eventuale scelta di forme di integrazione previdenziale.
  3. L’estratto conto integrato per le carriere discontinue
    In Italia esiste una platea stimata di 5-6 milioni di lavoratori che hanno contributi previdenziali versati in differenti gestioni Inps o presso diverse Casse previdenziali. Per assicurare una completa informazione (e un possibile controllo) dello stato della loro contribuzione previdenziale è stato avviato il  progetto ‘Estratto conto integrato’ (ECI), che fornirà la visione completa della contribuzione previdenziale individuale, con un’unica operazione di consultazione.
    Grazie alla collaborazione tra Inps e Casse previdenziali entro il mese di aprile si  potrà usufruire del servizio, consultando tutti i periodi riguardanti la posizione assicurativa del contribuente, anche se maturati presso enti, casse, fondi e gestioni diverse, inclusi i periodi figurativi, i riscatti e le ricongiunzioni.
    L’ECI potrà essere consultato sui portali degli enti che forniscono le informazioni previdenziali al Casellario dei Lavoratori Attivi, istituito presso l’Inps (Inps, Enasarco e Casse previdenziali degli ordini professionali). Ciascun contribuente potrà verificare la propria posizione contributiva on line, con accesso personalizzato, sul portale dell’ultimo Ente in cui risulta iscritto. Il servizio è interattivo e permette la segnalazione di eventuali problemi e incongruenze, che vengono indirizzate all’ente di competenza.

19.017 visite 29 Commenti
  • Team Previdenza

    Abbiamo scritto un post che spiega come installare correttamente il motore di calcolo dell’INPS: clicca qui!

  • http://- Leonardo Maria Miliacca

    Ma scusate eh, come fate a tener conto della svalutazione della moneta?
    Io ho 27 anni, e andrò in pensione di questo passo a 102 anni, come fate a dire che nel 2087 prenderò 800 o 900 € di pensione?
    Vi rendete conto che le future politiche che verranno attuate dal 2087 renderanno questo strumento una TOTALE PERDITA DI TEMPO?
    Ma tipo utilizzare queste risorse per semplificare la burocrazia anziché realizzare questi stupidi strumenti?

    • Giovanni Valli

      Ciao Leonardo,
      grazie per il commento.
      In Italia purtroppo c’è poca informazione (spesso confusa) sul tema delle future pensioni e credo che l’iniziativa dell’Inps di mettere on-line un simulatore per far capire ad ognuno di noi qual’è la propria prospettiva pensionistica sia il modo migliore per fare chiarezza. Nel bene e nel male i numeri sono chiari ed oggettivi.
      I software che calcolano le pensioni tengono conto di vari fattori. I principali sono:
      1) anno di nascita
      2) anni di contributi versati
      3) inflazione
      4) ipotesi di carriera
      5) sesso
      Con questi dati si riesce a dare una proiezione di quando si potrà andare in pensione ed a quanto ammonterà il proprio assegno.
      I calcoli sono attendibili e non credo che sia una perdita di tempo.
      In attesa che l’Inps metta on-line quello che ha annunciato, hai mai provato a usare i calcolatori giù presenti sul mercato? Ti consiglio di provare questo.
      Sono sicuro che la tua data di pensionamento non sarà di di 102 anni… 😉
      Se hai ulteriori dubbi non esitare a commentare.

  • Dafne

    Come si direbbe a Milano, piuttosto che niente è meglio piuttosto …

    La comunicazione e l’informazione sono elementi fondamentali per far crescere la cosapevolezza di ognuno.

    Per me è ancora troppo poco!

    • Team Previdenza

      Ciao Dafne,
      anche secondo noi c’è ancora tanto da fare!

  • http://Inps Franco

    Mi chiamo franco,ho 62 anni,lavoro dal 1976 ,sono operaio di 6’livello.cari miei ma io quando andrò in pensione?!non ho fatto un giorno di malattia in vita mia (grazie a Dio).mi fatte sapere qualcosa di buono???grazie 1000.

  • Andrea

    Buona sera, mi chiamo Andrea. Sono nato nel settembre del 1954. Ho lavorato e lavoro alle dipendenze di Banche (ne ho cambiate 3) dal 3.10.1977 in maniera ininterrotta. Ho riscattato il servizio militare 14 mesi e la laurea 36 mesi (il quarto anno già lavoravo). In buona sostanza, ad oggi, tra figurativi ed effettivi ho 2142 settimane di contributi (1917 settimane effettive + 225 figurative). Con la nuova Legge Fornero a che età potrò andare in pensione senza penalizzazioni? Se non erro, al compimento dei 62 anni (con 43 anni di contributi), ma non ne sono sicuro. Potreste fornirmi dati precisi? Grazie Andrea

    • Giovanni Valli

      Ciao Andrea,
      secondo i nostri calcoli potrai andare in pensione a marzo 2020 con 44 anni di contributi.
      Senza sapere il tuo reddito, abbiamo stimato che la tua pensione dovrebbe coprire circa il 70% del tuo ultimo reddito da lavoratore. Per ogni anno in più che deciderai di lavorare, orientativamente, guadagni circa il 2% in più.
      Per avere dati più precisi, prova tu stesso il nostro motore di calcolo: http://www.axa-mps.it/Servizi/PrevidenzaAXA/PerLaPersona/CalcolaPensione/Pagine/HomePensione.aspx
      Se hai ulteriori dubbi chiedi pure.

  • nicola

    Non solonon c’e il programma inps (estratto conto integrato) ma anche il programma per il calcolo della retribuzione media e pensione non va perchè manca un dll, l’CBLRTSM V. 4.0.

  • Donato

    HO 65 ANNI. HO VERSATO DAL 1969 AL 1991 850 CONTRIBUTI COME TITOLARE DI AZIENDA ARTIGIANA. COME POSSO CONOSCERE INDICATIVAMENTE L’IMPORTO DELLA MIA PENSIONE? GRAZIE. CORDIALI SALUTI. DONATO

  • Zotti Nicola

    LO STO CERCANDO DISPERATAMENTE QUESTO FAMIGERATO
    Calcolatore della pensione.
    SUL SITO INPS TRAMITE APPOSITA CARTA PER L’ACCESSO AI SERVIZI TROVO SOLO UN PROGRAMMINO CON LA DICITURA
    “CALCOLO DELLA PENSIONE MEDIA PENSIONABILE”
    Ca.R.Pe.
    SOFTWARE CA-70028.ZIP
    Tutto ciò non funziona.
    Preciso che diversi anni fa riuscivo tramite sito ad avere una simulazione della mia pensione.
    Sapete dirmi di più e se è stato attivato questo nuovo servizio
    Sono interessato in quanto il 1952 è la mia data di nascita
    Infiniti ringraziamenti
    Nicola Zotti
    30 aprile 2013

    • Giovanni Valli

      Ciao Nicola,
      purtroppo anche attraverso le nostre ricerche il calcolatore on-line della pensione non c’è tra i servizi offerti ad oggi sul sito dell’Inps.
      Abbiamo provato ad usare il software: Calcolo della pensione media pensionabile” e anche a noi non funziona.
      In attesa che l’Inps faccia qualcosa ti posso consigliare di utilizzare questo motore di calcolo: http://www.axa-mps.it/Servizi/PrevidenzaAXA/PerLaPersona/CalcolaPensione/Pagine/HomePensione.aspx che funziona ed è aggiornato con le ultime riforme previdenziali.

      • raffaele

        Giovà e basta con sto link, stai spammando di publicità

        • Giovanni Valli

          Ciao Raffaele,
          Io uso quel motore di calcolo e penso sia giusto dirlo, citando la fonte.
          Poi ognuno può scegliere quale usare, sul web ce ne sono tanti.
          In ogni caso, grazie per il commento!

  • antonio

    aprile 2013 e’ passato.stiampo a maggio 2013 – quando possiamo calcolare la pensione’

  • paola

    vorrei sapere quando andrò in pensione.Sono nata a febbraio 1952, ho 34 anni di contrbuti ora sono disoccupata grazie

    • Giovanni Valli

      Ciao Paola,
      secondo i nostri motori di calcolo puoi andare in pensione a Gennaio del 2014.
      Puoi provare tu stessa utilizzando il link che ho messo nei commenti precedenti.

  • giuseppe

    Salve,vorrei sapere quando mi sarà possibile andare in pensione.Sono un dipendente privato di 58 anni,e ho maturato 40 anni di contributi il 28/02/12,grazie

    • Giovanni Valli

      Ciao Giuseppe,
      secondo i nostri motori di calcolo potrai andare in pensione nel 2015 con 43 anni di contribuzione.
      Ciao!

      • pino

        Non male

  • NUCCIA

    E chi non sta più lavorando come me? sono nata nel novembre 1955, ho maturato oltre 23 anni di servizio (quasi 20 prima del 1990), gli ultimi dei quali dopo essere rimasta a casa per accudire al figlio, credendo che a 55 prima e 60 poi la pensione di vecchiaia mi sarebbe arrivata. Ora a 58 anni mi ritrovo a dover elemosinare contratti a termine perché mi dicono che non avrò pensione fino a 67 anni: ma i diritti acquisiti valgono solo per i baby pensionati? nel 1990 anch’io avevo acquisito il diritto alla pensione a 55 anni, però non è più stato così. Per cui che ci sia un calcolatore in linea che mi può dire quanto avrò di pensione, mi fa solo rabbia se per averla dovrò aspettare 7 anni più di quanto sapevo quando ho rinunciato al posto di lavoro per la famiglia…. bel ringraziamento per aver lasciato il mio posto ai giovani!!!

  • Claudio

    Salve. Mi chiamo Bruno Claudio, nato il 18/10/1952. Lavoro in un azienda di trasporti pubblici dal 01/07/1980 come operaio. Ho riconosciuto dall’INAIL 6 anni e 6 masi di contributi per esposizione ad amianto. Ho fatto il militare e ho circa 23 settimane di contributi antecedente al 1980. Quando posso fare domanda di pensione? Grazie.

  • Alfredo

    Riporto quanto indicato nel sito del ministero del lavoro e politiche sociali:

    Calcolatore della pensione
    A partire dal prossimo mese di aprile 2013 sarà attivata sul sito dell’Inps (tra i servizi online) una procedura denominata ‘Calcolatore della pensione’ che consentirà agli iscritti all’Inps di conoscere in via previsionale la data del proprio pensionamento e l’importo presuntivo della pensione.

    Nella prima fase (da aprile) potranno accedere al servizio solo i lavoratori iscritti all’Inps nati prima del 31 dicembre 1955, che sono in possesso di contribuzione accreditata in una sola delle seguenti gestioni:
    • Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti;
    • Gestioni Speciali dei lavoratori autonomi (artigiani, commercianti, coltivatori diretti);
    • Gestione separata.
    [….]

    Nei prossimi mesi il servizio verrà progressivamente attivato in modo da renderlo disponibile a tutti i lavoratori in prossimità del conseguimento dei requisiti di pensione.

    Simulatore della pensione
    Per i lavoratori più giovani, per i quali la lontananza dal momento della pensione non consente di formulare ipotesi sufficientemente attendibili di calcolo della pensione (troppe le variabili: l’evoluzione retributiva individuale, gli anni e la continuità del lavoro, la scelta del periodo di pensionamento, etc.), è in corso di realizzazione una procedura che consentirà comunque di eseguire una simulazione del calcolo della propria pensione. Il rilascio del servizio avverrà entro la fine del corrente anno.

    Partendo dall’estratto conto dei contributi effettivamente versati all’Inps, il ‘Simulatore della pensione’ fornirà ai lavoratori più giovani uno strumento in grado di elaborare differenti scenari previdenziali (sulla base di profili codificati) proiettando ipotesi collegate all’atteso futuro lavorativo.

    I lavoratori più giovani avranno così a disposizione, entro la fine dell’anno 2013, uno strumento fondamentale di educazione al risparmio previdenziale e di grande valore formativo, che potrà fornire indicazioni utili per compiere con maggiore consapevolezza le scelte che si troveranno a dover compiere nel loro futuro lavorativo e nell’eventuale scelta di forme di integrazione previdenziale.

  • maurizio fiordelli

    salve da Maurizio sono nato nel 1959 sono un lavoratore privato a tempo indeterminato a dicembre compio 37anni e 40settimane ho iniziato nel 1977 quindi precoce e usurante perchè faccio 78 notti anno chiedo quando potro andare in pensione?

    • http://www.previsionari.it/blog/collaboratori/giovanni-valli/ Giovanni Valli (Team previdenza)

      Ciao Maurizio,
      senza considerare il lavoro usurante (il nostro motore di calcolo non lo prevede tra le opzioni), secondo questo motore di calcolo, potrai andare in pensione nel 2020, con 44 anni di contributi. Il motore fa un calcolo generale, prova tu stesso. Ma per avere un prospetto dettagliato ti consiglio di rivolgerti direttamente all’INPS, che ha il dettaglio della tua posizione. Puoi trovare la sede più vicina cliccando qui.