Ecco i fattori che determinano il calcolo della tua pensione INPS


3.297 visite 2 Commenti

Calcolare quando si potrà andare in pensione e a quanto ammonterà il proprio assegno pensionistico, di questi tempi, non è sicuramente tra gli esercizi più semplici da fare.  Le recenti riforme hanno rivisto i criteri di calcolo che erano già stati “toccati” negli anni precedenti e spesso la confusione regna sovrana.

Cliccando qui puoi provare un motore di calcolo per stimare quando andrai in pensione e con quale importo.

Crescita pensione

Recentemente, sul Corriere Della Sera, è uscito un interessante articolo [1] a firma di Roberto Bagnoli [2], che, grazie a delle utili proiezioni di Progetica,  spiega in modo semplice ed efficace quali sono i fattori che influenzano il  calcolo della pensione.
Ne riprendiamo alcuni passaggi e per chi fosse interessato può leggere l’articolo completo direttamente qui.

Quali sono i fattori che concorrono nel formare la nostra futura pensione?

Vita, carriera e crescita: ecco le tre parole d’ordine per capire i segreti della pensione

A seconda di come andranno la carriera e l’Azienda Italia, per esempio, per un trentenne il rapporto fra la pensione e l’ultima retribuzione potrà oscillare dal 93% al 48% .

I fattore: speranza di vita
Più si vive a lungo, maggiore sarà l’incremento dei requisiti per andare in pensione. Per un trentenne, per esempio, oscilla fra il 2050 e il 2053. La variabilità è dovuta a diversi scenari sull’allungamento della speranza di vita. (clicca qui per approfondire)

II fattore: la carriera lavorativa
Naturalmente più la carriera cresce, più l’importo della pensione sarà elevato in termini assoluti. Ma se invece si guarda al rapporto fra pensione e ultima retribuzione, le cose cambiano. Se la carriera è in crescita, i contributi versati non riescono a stare dietro agli incrementi di salario e quindi sarà più basso il tasso di sostituzione, cioè il rapporto fra pensione e ultima retribuzione. (clicca qui per approfondimento sul tasso di sostituzione).
Il problema del lavoro discontinuo. La discontinuità contributiva affligge profili sempre più numerosi nel mondo del lavoro, come un giovane precario o un esodato sessantenne.
Per un trentenne, per esempio,tre sospensioni annuali nell’arco di dieci anni possono significare in media 51 euro in meno al mese rispetto a pensioni già basse (seicento-mille euro al mese).
Per un sessantenne, le conseguenze sono ancora più pesanti: in questo caso, infatti, la perdita è di 139 euro al mese.

III Fattore: la crescita del PIL
Una variabile che incide in misura rilevante: nel sistema contributivo, infatti, le pensioni sono agganciate alla media quinquennale del Pil. Fra il 2009 e il 2013, la media è stata pari al -0,8%: in termini reali, in pratica, i contributi versati hanno perso potere d’acquisto. Il sistema contributivo può reggere il confronto con quello retributivo, di cui hanno goduto le generazioni precedenti, con un tasso di crescita del 2%. Solo un’Azienda Italia che cresce bene, e continuamente, può scacciare l’incubo di dover vivere a mezza pensione.

Proiezioni e variabili per un lavoratore dipendente
Clicca sull’immagine per ingrandire

Calcolo Pensione INPS dipendenti

 

Proiezioni e variabili per un lavoratore autonomo
Clicca sull’immagine per ingrandire

Calcolo Pensione INPS autonomi

Ti è rimasto un dubbio o una curiosità? Commenta qui sotto, ti risponderò al più presto!

__________

[1] Previdenza. Carriera, vita, crescita. Ecco le tre parole d’ordine per capire i segreti della pensione.  Articolo tratto da: “Corriere Economia – 14 aprile 2014 – pagg. 1 – 22 – 23”
Per un trentenne il rapporto tra l’ultima busta paga e l’assegno pubblico può oscillare tra il 48% e il 93%. la differenza? La farà il ritmo dell’Azienda italiana

[2] Giornalista, fondatore di iomiassicuro.it 

3.297 visite 2 Commenti
  • camilla

    L’articolo è interessante e semplice nella comprenzione…. infine la vignetta finale è d’impatto.
    Mi occupo di previdenza ogni giorno, e sicuramente userò il vostro articolo come materiale con i miei clienti… quindi GRAZIE!

    • http://www.previsionari.it/blog/collaboratori/giovanni-valli/ Giovanni Valli (Team previdenza)

      Grazie Camilla e buon lavoro!
      Se sei interessata siamo appena sbarcati anche su Twitter, ci trovi qui
      ciao!