Contributi Figurativi

Voce creata da MEFOP


631 views No Comments

Definizione semplice

Il lavoratorecontributi figurativi può vedersi riconosciute contribuzioni (pur senza un versamento effettivo) per periodi durante i quali non abbia prestato attività lavorativa né dipendente né autonoma o abbia ha percepito un’indennità a carico dell’Inps o retribuzioni in misura ridotta. I contributi figurativi consentono di considerare anche periodi in cui non vi sono stati versamenti (o questi sono stati parziali) ai fini pensionistici.

Facciamo un esempio

È possibile presentare domanda di riconoscimento di contributi figurativi solo in relazione a periodi:

  • in cui si è svolto il servizio militare;
  • di malattia e infortunio;
  • di assenza dal lavoro per donazione sangue;
  • di congedo per maternità durante il rapporto di lavoro;
  • di maternità al di fuori del rapporto di lavoro corrispondente al congedo per maternità;
  • di congedo parentale durante il rapporto di lavoro;
  • di riposi giornalieri;
  • di assenze dal lavoro per malattia del bambino;
  • di congedo per gravi motivi familiari;
  • di permesso retribuito ai sensi della Legge 104/92 (handicap grave);
  • di congedo straordinario ai sensi della Legge 388/2000 (handicap grave);
  • di periodi di aspettativa per lo svolgimento di funzioni pubbliche elettive o per l’assunzione di cariche sindacali.

Vi sono poi casi in cui l’accredito avviene d’ufficio, senza la necessità di presentare domanda, in particolare per periodi in cui il lavoratore è stato in cassa integrazione guadagni straordinaria, assunto con contratto di solidarietà o impegnato in lavori socialmente utili, nei casi e con le modalità previste dalle specifiche disposizioni legislative e amministrative in materia, oppure ha beneficiato di indennità di mobilità, di disoccupazione o di di assistenza antitubercolare a carico dell’Inps.

631 views No Comments

Potrebbe interessarti anche

Glossario

ALLabcdefghijklmnopqrstuvwxyz